LA TATTICA:IL PRESSING

ancelotti.jpg

Carlo Ancelotti-allenatore di calcio-

www.ancheiopossoallenare.wordpress.com

 

PRIMA REGOLA FONDAMENTALE

Normalmente non è il giocatore che pressa che deve conquistare la palla ma, sono i suoi compagni di squadra”

affermano in coro i migliori allenatori di calcio in Italia

La maggior parte delle squadre non organizzate tatticamente, invece fa il contrario!!

Vediamo, adesso come si inizia, passo – passo, a costruire un pressing ben organizzato

 

Partiamo ora col dire che una squadra disposta a zona con il modulo 4-4-2 o 4-3-3 è composta da tre linee:

Prima linea: Attaccanti
Seconda linea: Centrocampisti
Terza linea: Difensori

Come si sviluppa in pratica il pressing analiticamente?

La prima linea attacca il portatore di palla, e chiude il passaggio agli appoggi (avversari che sono vicini al portatore di palla)
La seconda e addirittura la terza linea conquistano la palla.
Obiettivo principale del pressing: è quello di far forzare la giocata al possessore di palla avversario e obbligarlo a sbagiare il passaggio.

Quando deve scattare il pressing?

Quando si verifica almeno una di queste 4 condizioni :
1) quando in possesso della palla si trova il giocatore più bravo
2) quando in possesso della palla si trova il giocatore meno bravo
3) quando l’avversario in possesso di palla ha difficolta nel controllo ( stop non perfetto, di schiena alla porta, ecc. ecc.)
4) quando la palla si trova in una determinata zona del campo ( es. in fascia!)

Affinchè un pressing sia efficace e produttivo, occorre che tutti e 3 i settori (difesa-centrocampo-attacco) rispettino ed applichino delle regole ben precise.

Chi stabilisce le regole del pressing in una squadra di calcio ben organizzata?

L’allenatore di calcio. Come? Comunicando in maniera effice a tutti i giocatori, quando, dove e come lui vuole che la sua squadra inizi il pressing. Per effettuare un pressing organizzato occorre che tutti i 3 reparti di una squadra di calcio sappiano esattamente in quale istante farlo “scattare”. E quando “scatta” : tutte e 3 i reparti sono attivi!!

Purtroppo ancora oggi in alcuni campi di calcio, si vede il contrario, e cioè che sono solo i due o tre giocatori a partecipare al pressing, rendondo poco produttiva tale azione.

Invece tu di ancheiopossoallenare, ora sai che (e se lo sapevi ora hai una conferma):

1) Non è il primo giocatore che fa il pressing che deve conquistare il pallone, ma il resto della squadra

2) Il pressing deve iniziare e scattare quando si verifica almeno una delle 4 situazioni sopra descritte

3) L’allenatore di calcio deve avere le idee chiare e scegliere (partita dopo partita) in che modo vuole che la sua squadra inneschi il pressing, e comunicarlo in maniera persuasiva a tutti giocatori

4)Importante: l’allenatore deve in settimana:

4a) far vedere alla lavagna ( dividere il campo in zone e numerarle in base alla pericolosità) dove e come lui vuole che la sua squadra inizi il pressing
4b) mettere in pratica sul campo quello proposto alla lavagna
4c) insegnare ai vari reparti i TEMPI del pressing (FONDAMENTALE)

Il tutto… mettendo in pratica uno dei 7 principi fondamentali dell’allenamento:

LA GRADUALITA’

Marco M.

Vuoi andare alla sezione dei contenuti gratis?

Ecco dove la puoi trovare:

Si,voglio entrare dentro la sez.dei contenuti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: